Innovazione

Salute e ricerca: il test del mineralogramma

Nato negli anni ’50 e ’60 per motivi scientifici, io test del mineralogramma si diffuse anche in campo medico. Venne da subito percepito il suo carattere di novità assoluta ma, per motivi legati all’indeterminatezza dell’analisi, esso non è stato mai adottato dalla Comunità Scientifica Internazionale. Tuttavia a seguito dell’introduzione dei cosiddetti “mineralogrammi di terza generazione” – nati alla fine degli anni ’90 – il test risulta di fondamentale importanza per conoscere in modo approfondito la funzionalità dei minerali, dell’accumulo di metalli pesanti nel corpo e del bilanciamento relativo dei minerali sul sistema metabolico.

Nel corso dei decenni il test del mineralogramma è cambiato in maniera sensibile: dall’utilizzo dello spettrofotometro che rilevava attraverso il capello del soggetto la presenza o meno di alcuni metalli o minerali, oggi il capello o campione del soggetto viene trattato in metasostanza e il sistema a biorisonanza determina la percentuale di elemento tossico (metalli pesanti) o fisiologico (minerali ed oligoelementi). Il tutto attraverso l’utilizzo di una serie di modelli matematici continuamente aggiornati, che si servono di statistiche e di una tecnologia brevettata. Quella appena spiegata è la tecnologia Palladium MX, utilizzata dai laboratori Daphne Lab, che analizzano la reale rispondenza funzionale bioenergetica di terreno di un elemento nel corpo del soggetto stesso.

Ma a cosa serve in particolare il test del mineralogramma? L’evoluzione dell’analisi consente oggi consente di avere un indicatore forte di presenza del metallo o assenza del minerale nel corpo. Il test oggi è particolarmente importante per le sue implicazioni nella clinica naturopatica. Grazie ad esso infatti si possono, ad esempio, adottare migliori strategie per i bambini affetti da autismo, o soggetti intossicati da amalgama dentale di vecchio tipo; o servirsi dei suoi risultati per riequilibrare l’intossicazione da tossine alimentari in soggetti che vivono o lavorano in alcuni territori specifici.
Il test mineralogramma condotti da Daphne Lab analizza la percentuale funzionale di elementi quali minerali e metalli tossici ed oligoelementi necessari al nostro corretto funzionamento fisiologico. Il test è in grado di analizzare minerali umani e metalli tossici. Rappresenta quindi un valido aiuto alla nostra vita quotidiana.

Post Comment