Moda e Design

Shooting primaverili: le passerelle con le piante artificiali

La settimana della moda si è appena conclusa e le passerelle hanno stupito gli spettatori per gli allestimenti primaverili dal forte impatto: fiori, piante artificiali, erba sintetica, pouf rivestiti e, addirittura, i palmizi: questi ultimi sono stati lo scenario migliore per valorizzare le collezioni delle prossime stagioni.

 

PIANTE ARTIFICIALI

 

 

Direttamente dalla settimana della moda

Proprio direttamente dalle passerelle è possibile prendere qualche spunto interessante da riutilizzare per l’allestimento di set fotografici o di scenografie teatrali. Soprattutto due sono stati i set che per ancora lungo tempo resteranno nei ricordi di chi ha avuto la fortuna di vederli dal vivo ma che, certamente, saranno a breve resi noti da riviste e magazine di settore.

In primis, molto riuscita è stata la riproduzione della favola di Alice nel Paese delle Meraviglie che ha riscosso un successo particolare non solo per gli abiti proposti da Karl Lagerfeld, ma soprattutto per l’atmosfera da sogno evocata dal contesto. Se si vuole riprodurre fedelmente il set della sfilata in questione, si avrà necessariamente bisogno di: erba sintetica da 20 millimetri, siepi artificiali, cespugli, margherite e rose bianche e rosse.

Il giardino perfetto

Ricreare il giardino perfetto non è difficile come sembra ma è di prioritaria importanza acquistare piante artificiali di prima qualità in quanto essi, per suggestionare e stupire gli spettatori, devono essere fedelissimi alla realtà. A tale proposito non va sottovalutata l’importanza delle luci da palcoscenico che valorizzano ogni dettaglio, mettendolo in primo piano. Per questo se l’erba, i fiori e le siepi scelte saranno di scarsa qualità… difficilmente sfuggirà all’attenzione degli spettatori. Al contrario è necessario optare per fiori dai colori vividi, per foglie lucide, per erba ben tagliata e per siepi fitte. L’accostamento di due o più elementi deve essere molto bilanciato in quanto troppo verde potrebbe non valorizzare al meglio gli abiti e i modelli ma, al contrario, lesinare sulla quantità potrebbe dare un’idea di vuoto, di approssimazione e di desolazione sulla scena.

 

PIANTE ARTIFICIALI

 

Anche la riproduzione della commedia shakespeariana, Sogno di una notte di mezza estate, ha fatto divertire il pubblico di ogni età: in questo caso la passerella era un tripudio di colori grazie che, grazie alla grande quantità di fiori e piante artificiali, ha trasportato tutti gli spettatori all’interno di mondo naturale e fantastico. Moltissimi erano anche gli arbusti utilizzati che, unitamente, alle luci giuste e agli abiti favolosi, hanno contribuito a rendere tutto l’allestimento davvero grandioso. In questo caso si è optato per la qualità e non per la quantità, poiché in passerella vi erano pochi elementi ma di forte impatto.

 

PIANTE ARTIFICIALI

 

Piante artificiali: pratiche da usare

Pare, comunque, che tutti i complementi utilizzati fossero di ottima fattura: piante artificiali semplici da montare e da smontare, essi non hanno causato problemi o inconvenienti durante lo show. Infatti, nel caso in cui si voglia prendere spunto dagli stilisti e dai fashion art director, è necessario avvalersi del supporto di esperti del settore che non solo sapranno consigliare le realtà giuste a cui rivolgersi per l’acquisto del materiale di scena, ma anche sulle quantità da utilizzare per uno o più progetti specifici.  

Post Comment