Brevetti Imprenditori e Imprese In Evidenza Start-Up

Incubatore di start-up: cos’è?

Incubatori di Stat-up: incentivi e agevolazioni

Da un po’ di tempo si sente parlare di “incubatore di start-up” ed ovviamente questa terminologia desta curiosità. Cerchiamo dunque di meglio comprendere cosa si intenda per “incubatore di start-up”, come funziona e quali incentivi sono previsti per il suo funzionamento.

Con il provvedimento denominato “Decreto Crescita bis” si è fornita una prima disciplina in merito alla crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico, l’occupazione (specie se giovanile), allo sviluppo di una nuova cultura imprenditoriale, alla creazione di un ecosistema maggiormente favorevole all’innovazione, ad una maggiore mobilità sociale.

Approfondiremo il concetto di Start-Up Innovative in un altro articolo e ci dedichiamo oggi all’Incubatore Certificato (anche perchè utile allo sviluppo delle Start-Up).

L’Incubatore certificato è quindi una società di capitali, costituito anche in forma cooperativa, con residenza fiscale in Italia, che dispone degli spazi necessari ad ospitare le start-up innovative che necessitano di poter installare attrezzature di ricerca, prova e verifica. Deve inoltre garantire una serie di servizi/attrezzature necessarie alle start-up quali, ad esempio: l’accesso alla rete internet, sale riunioni, macchinari per eseguire i test dei prototipi.

L’Incubatore certifcato deve essere inoltre amministrato e/o diretto da figure di provata esperienza d’impresa e innovazione e dispone di una struttura tecnica e manageriale permanente, non deve essere alla sua prima esperienza nel sostegno e nel supporto delle start-up innovative e deve intrattenere pregiati rapporti di collaborazione con poli universitari, centri di ricerca, istituzioni pubbliche e potenziali partner finanziatori.

Un decreto ministeriale deve definire i resquisiti più strettamente tecnico/burocratici per poter avviare un Incubatore Certificato ed iscriverlo in apposito sezione speciale presso il Registro delle Imprese: ad esempio andranno definiti il numero di candidature da parte di start-up innovative, il numero dei progetti che si seguono, delle start-up già avviate e ospitate, il numero dei collaboratori occupati, il capitale di rischio, il numero dei brevetti registrati etc…

All’insegna del “sburocratizzazione” avranno particolare importanza le autocertificazioni telematiche (per maggiori dettagli si rimanda ai siti internet più tecnici che elenchiamo alla fine dell’articolo).

Incentivi previsti per il triennio 2013/2014/2015

Ai fini Irpef è prevista una detrazione pari al 19% di quanto il contribuente ha investito in una più start-up innovativa (direttamente o tramite Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio (OICR) con portafoglio composto prevalentemente da Start-Up innovative. L’investimento massimo incentivabile previsto per ciascuno periodo di imposta è di euro 500.000 e va mantenuto per almeno due anni, pena l’obbligo di restituzione dell’importo detratto maggiorato degli interessi legali. L’eccedenza non detraibile può essere detratta negli anni successivi (sino al terzo).

Ai fini Ires l’importo deducibile dal reddito imponibile è pari al 20% della somma investita prevista, nel massimo, pari ad euro 1.800.000.

Incentivi più alti (25% ai fini Irpef e 27% ai fini Ires) sono previsti nei confronti di Start-Up a vocazione sociale e/o ad alto valore tecnologico in ambito energetico.

Inoltre gli Incubatori, come anche le Start-Up, non pagano imposte di bollo e diritti di segreteria per il Registro delle Imprese e diritto annuale alle Camere di Commercio. E’ prevista la possibilità di una ricapitalizzazione estesa di 12 mesi  nei casi in cui le perdite superino di un terzo del capitale.

Le srl vengono praticamente equiparate alle spa per quanto concerne la possibilità di diritti partecipativi differenti e possono essere oggetto di offerta al pubblico di prodotti finanziari.

Infine deroghe e discipline particolari per le possibilità remunerative con strumenti finanziari e specifici contratti di lavoro a tempo determinato.

Alcuni Incubatori Certificati di Start-Up Innovative cui rivolgersi per maggiori delucidazioni: (ne indichiamo solo qualcuno consigliando comunque vivamente di rivolgersi alle Camere di Commercio ed ai Poli Universitari o all’Associazione Italia Start-Up prima di affidarsi a chiunque).

I3P – Società per la gestione dell’Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino – S.c.p.a

Speed MI UP

Rete degli Incubatori Toscani

Abruzzo Sviluppo

Molte malattie possono interessare i muscoli che possono rallentare il flusso di sangue, causare disfunzione erettile. farmacie online fornisce medicine migliaia di prescrizione e di altri medicina. In generale, gli uomini e le donne soffrono di disturbi sessuali. Hai una domanda su Kamagra e “Kamagra Oral Jelly UK“? Ciò che i consumatori parlano di “”? Altro punto dobbiamo è “”. Anche se il sesso non è di vitale importanza per una buona salute, è decisamente importante per voi. Prima di prendere il Kamagra, informi il medico se si hanno problemi di sanguinamento. Tenere questo rimedio nel contenitore è entrato, spessa chiusa. Per esempio i medicina liquidi, se possibile, devono essere conservati in frigorifero, ma anche possono essere conservati a temperatura ambiente.

Post Comment